Ennesimo errore di Yard: 450 contratti fantasma


Roma, 30 giugno 2020 – Il presidente del Siai, il sindacato inquilini dell’Inpgi, ha appena spedito questa mail alla presidente dell’istituto di previdenza dei giornalisti, Marina Macelloni


Gentile Presidente Marina Macelloni,

Yard, la società a cui Investire ha affidato tutti i rapporti cartacei con gli inquilini, curati prima dagli uffici del Servizio immobiliare dell’Inpgi, ha commesso l’ennesimo errore, creando per almeno 450 inquilini dei “contratti d’affitto fantasma” della durata del tutto anomala di un anno, mai sottoscritti dagli interessati. Si tratta di famiglie il cui contratto d’affitto era scaduto e che pagavano fino ad oggi l’indennità di occupazione, in attesa di un regolare rinnovo contrattuale. Le parti potranno essere convocate per stipulare il rinnovo soltanto quando sarà raggiunto un regolare accordo tra Inpgi-Investire e i sindacati, per il momento in alto mare. I “contratti fantasma” sono stati inoltrati all’Agenzia delle Entrate con importi superiori ai contratti scaduti.

Ricordiamo gli altri errori clamorosi di cui si è resa responsabile Yard:

-ai primi di agosto del 2019 la società aveva inviato una minacciosa lettera di disdetta agli inquilini del patrimonio in affitto, chiedendo loro di lasciare la casa “libera da persone e cose”, mentre invece alla scadenza del contratto avrebbero avuto diritto al rinnovo;

-ai primi di settembre del 2019 Yard ha spedito una contestazione di morosità per l’affitto di agosto a diverse famiglie, che avevano regolarmente pagato con delega bancaria;

-a giugno del 2020, alcune famiglie che avevano ottenuto grazie all’intervento del Siai la dilazione di due mesi d’affitto perché danneggiate dal Covid, si sono viste invece recapitare la fattura per il pagamento.

Ricordandoti che non ha avuto ancora risposta la richiesta di accesso agli atti inviata dal sottoscritto il 19 dicembre 2019, in cui si intendeva sapere tra l’altro quale fosse il compenso riservato a Yard per il suo servizio, vorremmo sapere se, a tutela dell’immagine e dell’efficienza dell’Istituto, tu non ritenga opportuna la risoluzione immediata del contratto con questo service e la riattribuzione dei rapporti con gli inquilini agli uffici del Servizio immobiliare dell’Inpgi.

Un saluto cordiale

Corrado Giustiniani

presidente Siai

Scrivi un commento


Nome*

E-mail (non verrà pubblicata)*

Sito Web

Il tuo commento*

Invia commento

Web Design & Hosting: Cartabianca