A via dei Lincei cadono ancora pietre

Roma, 1 settembre 2017 – Continuano a piovere pietre dal soffitto di un balcone di Via dei Lincei. Succede al secondo piano della palazzina D, cinquanta giorni  dopo il crollo che ha rischiato di avere conseguenze drammatiche, con la caduta di  blocchi di cemento e mattoni sul balcone stesso e nel giardino sottostante, come abbiamo documentato in questo sito il 6 luglio scorso. Allora, dopo l’intervento dei Vigili del fuoco, soffitto e cornicione dello stabile erano stati picconati, così come quelli dei balconi vicini, per essere messi in sicurezza in attesa della ristrutturazione delle facciate programmata per l’autunno. Sicurezza che non c’è stata, perché altri pezzi di intonaco sono caduti sul balcone tre giorni fa e sono finiti anche nel giardino con nuovo spavento per le famiglie che lì abitano.

Finalmente si è preso atto che il piccone non era sufficiente. Ora quel balcone è stato puntellato e un’asse tampona la parte pericolante. Una soluzione comunque molto provvisoria, perché inquilini e condomini potranno sentirsi sicuri e liberi di usufruire degli spazi dei loro appartamenti solo dopo la completa ristrutturazione della palazzina. Ricordiamo che l’allargarsi di una preoccupante crepa lungo il soffitto del balcone in questione era stata segnalata dall’inquilino all’Inpgi oltre un anno e mezzo fa.
Per completezza di informazione, ecco uno stralcio del rapporto dei Vigili del fuoco, redatto dopo il primo crollo: <… diffidiamo il Sig. De Cesare alla frequentazione del balcone. Inoltre ci si raccomanda di avvertire i responsabili degli altri appartamenti interessati di non frequentare i balconi e i giardini interessati. Di avvisare l’amministratore di provvedere al più presto alla messa in sicurezza eseguita da tecnici qualificati>.

Scrivi un commento


Nome*

E-mail (non verrà pubblicata)*

Sito Web

Il tuo commento*

Invia commento

Web Design & Hosting: Cartabianca