Via Scintu, prezzi abbordabili, ma esagerati quelli dei posti-macchina

1 giugno 2017 – Quando i prezzi non sono lontani da quelli attesi dagli inquilini, i rapporti si fanno più distesi. Si è svolto in un clima positivo l’incontro tra i portavoce, assistiti dal Siai, del più grande complesso fra gli immobili Inpgi in vendita nella seconda tranche, quello di via Scintu 78, a Roma (84 appartamenti), e i rappresentanti di Investire, in programma ieri nella sede della società di gestione del Fondo, in via Po. Il prezzo medio di listino fissato da Investire è infatti di 2.700 euro a metro quadro, quello Omi, sostenuto dai sindacati è più basso ma di poco più di 100 euro. Non torna invece il conto per i posti-macchina. I valori medi di mercato della zona, secondo gli inquilini, non superano i 15 mila euro per i posti coperti, mentre Investire li ha fissati da un minimo di 23 a un massimo di 26 mila euro. “A simili, irrealistici valori non li compreremo di certo” hanno assicurato i portavoce di via Scintu.
Nel corso della riunione si è parlato dei lavori di restauro che Inpgi-Investire ha programmato, che partono da una base di 800 mila euro, come ha chiarito Gabriele Polito, in rappresentanza del Fondo. Per analizzarli in dettaglio, sulla base di un elenco meno scarno di quello fornito agli inquilini, si è deciso di indire un nuovo incontro di qui a pochi giorni.

Scrivi un commento


Nome*

E-mail (non verrà pubblicata)*

Sito Web

Il tuo commento*

Invia commento

Web Design & Hosting: Cartabianca