Il Siai chiede un incontro urgente alla Presidente dell’Inpgi

Roma 21 dicembre – Un incontro urgente è stato sollecitato dal Siai alla Presidente dell’Inpgi Marina Macelloni, per spiegarle il disaccordo del nostro sindacato inquilini sulla controproposta ricevuta attraverso la Sgr Investire attorno prezzi di vendita e sconti degli immobili della prima tranche. In un incontro che la Macelloni accordò lo scorso 16 giugno, la Presidente si rese disponibile a successivi appuntamenti con il Siai: questa è assolutamente l’occasione di onorare quella promessa.
Il segretario generale del Sunia Daniele Barbieri, a nome anche di Corrado Giustiniani del Siai e di Pierangelo Maurizio del Comitato giornalisti inquilini ha contestualmente inviato la richiesta di altri tre incontri urgenti, con il presidente della Commissione Acquisti e Dismissioni, Enrico Giuseppe Mirani, con il presidente della Commissione Affitti e Alloggi Antimo Amore, e con la stessa Marina Macelloni, ma stavolta in quanto presidente del Comitato consultivo che si occupa delle dismissioni.

4 commenti


  • Mauro De Cesare

    Caro Corrado Giustiniani,
    sono Mauro De Cesare, inquilino Inpgi di via dei Lincei e giornalista professionista. Per prima cosa ringrazio tutti per l’impegno che state profondendo in questa trattativa di dismissioni.
    Una personale considerazione. L’Inpgi, senza aver subìto pesantissime pressioni a seguito di incontri serrati con i sindacati, ha deciso di fissare lo sconto per la dismissione immobiliare dal 20 al 25 per cento. Credo che questa decisione, questo passo in avanti, sia illuminante per quanto riguarda la voglia e la necessità dell’Istitituto di vendere.
    Io credo che il nostro vero “avversario” sia InvestiRE che sta pressando l’Inpgi sostenendo di poter vendere ai prezzi fuori mercato stabiliti. Credo si debba far capire alla Macelloni e alle varie Commissioni che i listini “stellari” scelti dalla Sgr, annullano tutti gli sforzi è la disponibilità di passare dal 20 al 25 per cento.
    Per ricapitolare: il 25% è già un buono sconto, che si avvicina al consueto 30% tipo Enasarco, sono i prezzi di mercato dai quali parte InvestiRe che vanno abbassati notevolmente. Inpgi deve capire che seguendo le strategie di Sgr rischia un flop… senza ritorno. Ripeto, ritengo che sia necessario mettere il “bavaglio” a InvestiRE. Si devono contestare le valutazioni folli degli immobili con estrema decisione, per il bene di tutti, Inpgi in testa.
    Sperando di essermi spiegato, auguro buon lavoro e serene Feste.
    Mauro De Cesare

    21 dicembre 2016
  • Mauro De Cesare

    Buongiorno Giustiniani,

    sono ancora Mauro De Cesare. Torno a disturbarti perché ho scorporato lo sconto sulla casa avuto con la nuova proposta di Sgr. Si tratta di euro 28.000 (posto auto escluso). Scorporando lo sconto viene una quota di euro 19400 da parte di Inpgi e di euro 8600 da parte di InvestiRE. La stessa, per quanto riguarda via dei Lincei, era partita da una valutazione di 4000 euro al mq (al quale applicare il 20% di sconto Inpgi) ed è scesa a euro 3920 (al quale applicare il 25% di sconto Inpgi)!!! Una burla (eufemismo). Torno a ripetere, le valutazioni degli immobili da parte di Sgr (almeno per via dei Lincei) sono oltre ogni limite ragionevole, Inpgi ha fatto (in parte) lo sforzo di alzare lo sconto dal 20 al 25 %. Teniamo in conto questo particolare non indifferente. Istituto e Sgr sono come il gatto e la volpe, ma ritengo che “l’anima nera” della trattativa sia soprattutto InvestiRE. Ancora un caro saluto.

    Mauro De Cesare

    22 dicembre 2016
  • Gian Luigi Corti

    Il collega De Cesare ha chiaramente messo il dito nella piaga. Se vogliamo andare avanti dobbiamo mettere all’angolo la SGR convincendo Macelloni e soci che solo dialogando direttamente con noi potrebbero concretizzare una vendita a breve. Del resto ricordo a tutti che dalle lettere di settembre e scadenza novembre siamo arrivati – che vada bene – al 20 marzo. Se il bisogno di soldi dell’Istituto è impellente come sembra, non vedo alternative ad una bonaria composizione tra noi e il team Macelloni.
    Saluti a tutti

    30 dicembre 2016
  • Debora Vaglio

    Sono un’inquilina (giornalista professionista) dello stabile di via verdi 12 a Torino. Oltre al problema – comune – della valutazione assolutamente fuori mercato, vorrei segnalare che per alcuni alloggi dello stabile si registrano clamorosi errori nelle misurazioni. Un esempio? Il mio è “ingrassato” di circa 40 metri quadri passando da circa 170 metri commerciali a 210, quello di un altro collega è addirittura cresciuto di 60 mq. Naturalmente è tutto documentato perché abbiamo chiamato un perito che rifacesse le misurazioni. Quindi il consiglio che do a tutti gli altri inquilini è di controllare le misure calcolate da InvestiRE. Magari anche i vostri alloggi con il passare degli anni sono “ingrassati” un po’…
    Buon lavoro a tutti e speriamo di ottenere qualcosa
    Debora Vaglio

    7 gennaio 2017

Scrivi un commento


Nome*

E-mail (non verrà pubblicata)*

Sito Web

Il tuo commento*

Invia commento

Web Design & Hosting: Cartabianca