Assemblea aperta, ci si rivede il 13 novembre. Potete candidarvi al Direttivo Siai.

Pochi ma buoni. E soprattutto coraggiosi. Nonostante l’allerta meteo, si è tenuta regolarmente, alle ore 15 di giovedì 6 novembre, l’assemblea dei soci Siai, in Piazza della Torretta a Roma. Ed è stata la soluzione più saggia: sia perché la temuta bomba d’acqua non si è poi abbattuta nel centro della città, sia perché molti dei nostri soci non sono raggiungibili via email, ed era impossibile un rinvio dell’ultima ora. In ogni caso l’occasione è buona perché chi non avesse dato ancora il proprio indirizzo di posta elettronica, lo mandi alla email info@siainquilini.it.
All’unanimità si è deciso, alla fine del dibattito (che abbiamo registrato) di non chiudere l’assemblea ma al contrario di tenerla aperta per rivederci giovedì 13 alle ore 15, sempre in piazza della Torretta, e concludere i nostri lavori. E’ necessario tenerla aperta perché lo statuto precisa che le quattro candidature al Comitato direttivo che uscirà dalle urne di fine mese (tre giornalisti e un non giornalista, tutti soci inquilini) debbono essere presentate in assemblea. Una è già stata presentata il 6: quella di Edgardo Fiorini, per i non giornalisti. Ma visto che i lavori restano aperti c’è anche la possibilità di inviarle per email o per fax alla nostra segreteria al numero 06/68402743.
Il Direttivo è in realtà costituito da sette membri, tre dei quali sono già stati designati dall’Asr: si tratta di Cinzia Cardarelli, Gabriella Leonzi e Corrado Giustiniani.
Le elezioni per il Direttivo verranno effettuate in contemporanea con quelle del sindacato dei giornalisti. Venerdì 28 si potrà votare presso la sede Rai di Saxa Rubra, sabato e domenica invece nella Parrocchia di San Lorenzo in Lucina. In tutti e tre i giorni, l’orario sarà dalle 10 alle 21.
Dopo la relazione del presidente del Siai Corrado Giustiniani, sono intervenuti i soci. I temi più affrontati: il livello molto alto degli affitti in alcuni immobili a fronte di scarsi interventi manutentivi, il fatto che spesso negli appartamenti sfitti continua a funzionare il riscaldamento, con costi che gravano su tutti gli inquilini, la necessità di una comunicazione scritta analitica degli elementi che vanno poi a formare il conguaglio delle spese condominiali, il concreto diritto di prelazione a vantaggio degli inquilini nel caso di vendita di unità immobiliari da parte del Fondo Inpgi.
A giovedì prossimo, dunque.

Scrivi un commento


Nome*

E-mail (non verrà pubblicata)*

Sito Web

Il tuo commento*

Invia commento

Web Design & Hosting: Cartabianca